Ogni quanto va fatta eseguire la manutenzione della caldaia?

La periodicità degli intervalli di manutenzione è attualmente definita dall'allegato L del Decreto Legislativo n. 192/2005, che stabilisce che tali intervalli possano essere definiti dal fabbricante dall'apparecchio.

Ciò implica che il fabbricante prescriva la manutenzione ordinaria annuale, salvo poche e rare eccezioni.
È quindi errato definire gli intervalli di manutenzione biennali, come spesso abbiamo rilevato in molti impianti dove la manutenzioni vengono eseguite ad anni alterni.

Discorso diverso è la trasmissione degli allegati G agli organi competenti, che deve avvenire con cadenza biennale (autocertificazione) per qualsiasi impianto.

Chi deve fare l'autocertificazione?

Sono soggetti ad autocertificazione tutti i responsabili degli impianti (i proprietari o gli affittuari degli immobili in cui l'impianto è installato) per il riscaldamento domestico di qualsiasi potenza termica, alimentati con combustibile gassoso o liquido (sono esclusi da tale obbligo le stufe, i caminetti, i radiatori individuali, gli scaldacqua singoli e gli impianti a combustibile solido).

Che cosa deve fare?

Il responsabile dell'impianto deve fare eseguire la manutenzione annuale da una ditta qualificata, la quale rilascia il Rapporto di Controllo Tecnico in duplice copia e, biennalmente, si occupa di trasmetterlo agli organi competenti, rilasciando apposito bollino comprovante l'avvenuta autocertificazione e riscuotendo l'importo del bollino stesso (per gli utenti Consiag/Publies l'importo viene invece addebitato in bolletta).

Scadenze autocertificazioni del biennio in corso:

Comune di Firenze: biennale

Provincia di Firenze:  biennale

Comuni di Prato e Sesto: anno 2016

Comune di Scandicci: dal 1/07/2015 al 30/09/2016

Provincia di Prato: dal 1/07/2014 al 30/06/2016

Download utili

DPR 412-93